Cani de lèpori – Levriero sardo


Araxi (a manca, meri P. Perra – a sinistra, pr. P. Perra) e Rudy (a dereta, meri G. Amadori – a destra, pr. G. Amadori)

In su mesi de idas de su 2009 est bessiu in La Nuova Sardegna un’artìculu chi naràt “Salviamo gli ultimi 100 levrieri sardi”. Is amantiosus de is canis sardus si fiant impensamentaus meda chi is canis de lèpori si sparessesint po sèmpiri, ma no est andada diaici.Giai giai tres annus funt passaus de cussu artìculu e oindii fait a nai chi nci funt prus meda de 100 canis de lèpori in Sardìnnia! Su càrculu de 100 canis fiat giustu, ma po sa Sardìnnia de Susu sceti! E totu sa Sardìnnia de Giossu? Is chi iant scritu cussu artìculu no si funt pensaus chi de àteras partis puru nci depiant essi canis de lèpori e chi is pranus mannus de su Campidanu fiant su logu perfetu po custa genia de canis! Difatis in Sardìnnia de Giossu nci funt centenas de canis de lèpori bellus meda, canis chi sa genti pesat de sèmpiri comenti a agiudu in su sartu po cassai lèpori e po nci bogai su margiani. Duus circadoris giòvunus e allevadoris de canis de lèpori, Frantziscu Maxia e Mimia Virdis, ant girau meda po circai e studiai is canis de sa Sardìnnia de Giossu e ndi est bessiu aforas chi no sceti nci ndi funt medas ma is chi nci funt, funt omogèneus e de calidadi arta meda!Fait a nai chi no si depeus timi prus chi su cani de lèpori si sparessat, ma depeus aturai atentus a chi calincunu no si pongat a fai amesturus cun àteras arratzas o chi nàsciat una moda chi at a fai morri su cani de lèpori traballadori e ddu arremprasit cun d-unu cani po is amostas sceti.

S’eus a fai sciri fatu fatu chi nci funt callelleddus acansaditzus chi eus a donai a is chi tenint s’interessu de traballai cun nosu a spainai s’arratza.

Torraus gràtzias a Frantziscu Maxia e a Mimia Virdis po is fotografias chi bieis in bàscius.

Nel mese di dicembre del 2009 è uscito ne La Nuova Sardegna un articolo dal titolo “Salviamo gli ultimi 100 levrieri sardi”. Gli amanti dei cani sardi si preoccuparono molto del fatto che i levrieri sardi potessero sparire per sempre, ma non è andata così.

Sono passati quasi tre anni da quell’articolo e oggigiorno si può dire che ce ne sono molti di più di 100 in tutta la Sardegna! Il calcolo di 100 era giusto, ma solo per la Sardegna del Nord! E nel Sud Sardegna? Gli autori dell’articolo non hanno pensato che anche in altre parti della Sardegna ci potessero essere levrieri sardi e che le grandi pianure campidanesi erano un luogo perfetto per questo tipo di cani! Infatti in Sardegna meridionale ci sono centinaia di levrieri sardi molto belli, cani che la gente alleva da sempre come ausiliari da campagna nella caccia alla lepre e per tenere lontane le volpi. Due giovani ricercatori e allevatori di levrieri sardi, Francesco Maxia e Marianna Virdis hanno girato in lungo e in largo per cercare e studiare i cani presenti nella Sardegna meridionale e ne è risultato che non solo ci sono tanti levrieri, ma quelli trovati sono anche omogenei e di alta qualità!

Si può dire che non dobbiamo più temere l’estinzione del levriero sardo, ma dobbiamo tenere alta la guardia affinchè nessuno si metta a fare incroci o diventi un cane di moda, decretando la sua fine come lavoratore e diventi un cane buono solo per le passerelle.

Vi faremo sapere di volta in volta quando ci saranno cuccioli disponibili chi daremo a quelli che hanno l’intenzione di darci una mano nel diffondere questa razza.

Ringraziamo Francesco Maxia e Marianna Virdis per le fotografie che vedete qui sotto.

Sighit in is mass-media s’interessu apitzu de su cani de lèpori. Custa borta est stètiu RAI3 a ndi chistionai in d-unu serbìtziu donau su 23 de maju de su 2011. Fait a biri su serbìtziu crachendi innoi .

Continua l’interesse dei mass-media sul levriero sardo, Questa volta è stato RAI3 a parlarne in un servizio andato in onda il 23 maggio 2011. Il servizio si può vedere cliccando qui .

Su 10 de custu mesi de maju “La Nuova Sardegna” at imprentau un’artìculu apitzu de is canis de lèpori chi ddoi funt in sa Giara. No est sa primu borta chi su diàriu tataresu chistionat de canis de lèpori e po custu torraus gràtzias de coru a is autoris de custus artìculus.

Il 10 di questo mese di maggio “La Nuova Sardegna” ha pubblicato un articolo sui levrieri sardi che si trovano sulla Giara. Non è la prima volta che il quotidiano sassarese parla di levrieri sardi e per questo ringraziamo di cuore gli autori di questi articoli.

Levrieri doc, ma nati e allevati sulla Giara

Una razza canina tra le più pregiate, ormai di casa nell’altopiano

Di Luciano Onnis

VILLAMAR. Da is cuaddedus a is pettiazzus. Sulla Giara non solo cavallini selvatici, ma anche levrieri pastore arricchiscono le molteplici biodiversità animali che fanno dell’altopiano della Marmilla un unicus di straordinario livello scientifico. In realtà sulla Giara e dintorni questa razza canina non può considerarsi autoctona essendo fra le più antiche e diffuse nel mondo. Sighi a ligi – Continua a leggere

Araxi (a manca, meri P. Perra - a sinistra, pr. P. Perra) e Rudy (a dereta, meri G. Amadori - a destra, pr. G. Amadori)

Su 17 e su 19 de austu Rudy at cobertu a Araxi. Funt totu e duus canis de lèpori de sa lìnia Zucca de Piaghe, pesaus in Cuartu de G. Amadori, allevadori de 15 annus. Chi totu andat beni in 2 mesis eus a tenni callelleddus bellus meda.

Po informus: canisardu@hotmail.it

Il 17 e il 19 agosto Rudy ha montato Araxi. Sono entrambi levrieri sardi della linea Zucca di Ploaghe, allevati a Quartu Sant’Elena da G. Amadori, allevatore da 15 anni. Se tutto andrà bene fra 2 mesi avremo cuccioli molto belli.

Per informazioni: canisardu@hotmail.it

In su nùmeru de ariserus, su 2 de mesi de Paschixedda, su diàriu sardu La Nuova Sardegna at dedicau totu sa pàgina 9 a su cani de lèpori, chi chena duda peruna est sa prus arratza de cani chi arriscat de si sparessi de Sardìnnia.

Fait a ligi totu s’artìculu crachendi innoi in su tìtulu Sos per i levrieri a rischio di estinzione de Pier Giorgio Pinna.

In prus agatais puru fotografias bellas meda (craca innoi).

Is canis de sa fotografia de pitzus funt de G. Amadori

 

Nel numero di ieri, 2 dicembre, il quotidiano La Nuova Sardegna ha dedicato l’intera pagina 9 al levriero sardo, che senza alcun dubbio è la razza canina sarda che più di tutte rischia di scomparire.

Si può leggere l’articolo cliccando qui sul titolo Sos per i levrieri a rischio di estinzione di Pier Giorgio Pinna.

Inoltre trovate anche delle fotografie molto belle (clicca qui).

I cani della fotografia qui sopra sono di G. Amadori

Araxi
Araxi

Araxi est una fèmina de cani de lèpori (levriero sardo in lìngua italiana) de giai giai 4 annus, nàscia su primu de su mesi de ladàmini de su 2005.

Est arta a is palas 59 cm e pesat 19 kg. Comenti a totu is canis de lèpori su pilu est curtzu e moddi meda tochendi-ddu, su bruncu est longu che sa conca (s’arrelata est 1:1) e is origas funt a forma de arrosa (comenti ddas tenint puru su galgo español, su greyhound ingresu, su chart polski e aici nendi).

At sèmpiri amostau unu naturali fatu aposta po cassai, sighit calichisiat bèstia si movat. No dda ant coberta mai, candu si torrat a insuai in 5 mesis dda eus a fai coberri (chi fait, chi totu andat beni) de unu mascu pertiatzu, colori chi in sa lìnia de sànghini sua, amancat.

 

Araxi è una femmina di cani de lèpori (levriero sardo in lingua italiana) di quasi 4 anni, nata il primo ottobre del 2005.

È alta al garrese 59 cm e pesa 19 kg. Come tutti i canis de lèpori il pelo è corto e molto soffice al tatto, il muso è lungo quanto la testa (il rapporto è di 1:1) e le orecchie sono a rosetta (come le hanno anche il galgo español, il greyhound inglese, il chart polski e così via).

Ha sempre mostrato un carattere fatto apposta per la caccia, segue qualsiasi animale si muova. Non si è mai accoppiata, al prossimo calore, fra 5 mesi, verrà fatta accoppiare (se possibile e se tutto va come dovrebbe) con un maschio tigrato, colore che, nella sua linea di sangue, manca.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.