settembre 2009


Facebook LogoDe oi nosu puru seus in Facebook, fait a nosi agatai cun su nòmini Canis Sardus. A si biri in Facebook!

Da oggi anche noi siamo su Facebook, ci potete trovare con il nome di Canis Sardus. Ci vediamo su Facebook!

Annunci

soldi-euroGenti meda si cuntant preguntendi-sì cantu costant o iant a depi costai is callelleddus de cani pertiatzu. No fait a arrespundi de manera dereta, ca, su prètziu dependit de totu is gastus chi in prus de duus mesis e mesu (su tempus chi is canis depint abarrai in sa domu anca funt nàscius) su meri de sa mama e de is callelleddus at tentu.

Is gastus funt medas, ca sa cosa de papai po sa mama innantis de angiai e candu est donendi su lati (chi depit essi 50 diis) bessit diferenti, prus arrica de petza frisca (calincuna fèmina, comenti a Marigosa, bolit papai petza sceti in cussu tempus). In prus, tocat a chi su veterinàriu abisitit a sa mama unus cantu bortas po biri chi totu andat beni (innantis e agoa chi at angiau). In totu su tempus chi donat su lati, tocat a ddi donai pìndulas de càlciu e vitaminas. Agoa nci funt is gastus straordinàrius, est a nai chi incapitat calincuna cosa angendi e tocat a fai operatzionis o ddoi funt àteras emergèntzias veterinàrias.

Is callelleddus inghitzant a papai calincuna cosa a solus a is 25 diis e acabant de sui lati a is 50 diis, duncas, po prus de duus mesis tocat a ddis donai a papai…e chini at tentu callelleddus sceti, sciit cantu petza papint!

A is 30 e a is 60 diis tocat a ddus sberminai e a ddis donai is pìndulas po prevenni sa filariosi e in prus intru de is 50/60 diis, tocat a ddis fai is primus vacinus e tocat a ddis ponni prodotus contras de is parassitas.

No si depeus scaresci chi dònnia dii nci bolint a su mancu 3 oras de traballu, custu sèmpiri, po prus de duus mesis e mesu e tocat a nci ponni in su càrculu puru totu is lìcuidus po disinfetai su logu anca is callelleddus funt.

A contu fatu duncas, fait a nai chi su prètziu onestu e giustu po unu callelleddu de cani pertiatzu, chi est stètiu in d-una familla chi ddu at cuidau diaici, est unu mìn. de 250€ e unu màss. de 400€, est a nai unu prètziu populari (acarau a su prètziu de àteras arratzas chi fait a agatai in Sardìnnia puru) chi podit permiti a is meris de is babus e de is mamas de podi seletzionai e produsi canis comenti si spetat e a totus de tenni unu callelleddu bonu e sanu, chi fetzat cumpangia e traballit cun nosu po annus e annus.

 

Molta gente ci contatta per chiederci quanto costino o dovrebbero costare i cuccioli di dogo sardo. Non esiste una risposta univoca a questa domanda, perché il prezzo dipende dalle spese che il proprietario della madre e dei cuccioli ha sostenuto in più di due mesi e mezzo, sarebbe a dire il tempo che i cuccioli devono rimanere nella casa dove sono nati.

Le spese sono molte, perché bisogna cambiare l’alimentazione della fattrice prima che partorisca e quando stà allattando (periodo che deve essere di 50 giorni), alimentazione che deve essere più ricca di carne fresca (qualche femmina, come Marigosa, mangia solo carne in quel periodo). Inoltre, serve che il veterinario visiti la fattrice un paio di volte per appurare che tutto stia andando bene (prima e dopo il parto). In tutto il tempo che allatta, bisogna darle pastiglie di calcio e vitamine. Poi ci sono le spese straordinarie, cioè se capita qualche cosa durante il parto e bisogna operare o ci sono altre emergenze veterinarie.

I cuccioli iniziano a mangiare qualche cosa da soli verso i 25 giorni e smettono di poppare ai 50 giorni, dunque, per più di due mesi bisogna dargli da mangiare…e solo chi ha avuto cuccioli, sa quanta carne mangino!

Ai 30 e ai 60 giorni bisogna sverminarli e dargli le pastiglie per prevenire la filariosi e in più fra i 50/60 giorni bisogna fargli i primi vaccini e devono essere trattati con prodotti antiparassitari.

Non dobbiamo dimenticarci che ogni giorno vanno dedicate almeno 3 ore di lavoro, questo sempre, per più di due mesi e mezzo e si deve aggiungere nel calcolo anche tutti i liquidi per disinfettare il posto dove stanno i cuccioli.

Facendo un rapido conto dunque, si può dire che il prezzo onesto e giusto per un cucciolo di dogo sardo, che è stato in una famiglia che lo ha curato così, è di un min. di 250€ e un mass. di 400€, sarebbe a dire un prezzo popolare (paragonato al prezzo dei cuccioli di altre razze che si possono trovare anche in Sardegna) che può permettere ai proprietari delle fattrici e degli stalloni di poter selezionare e produrre cani come si deve e a tutti di avere un cucciolo buono e sano, che possa far compagnia e lavori con noi per anni.

 

CanidapresaIn su nùmuru 4 de s’arrevista Canidapresa agatais s’artìculu de Roberto Balia (autori puru de su lìburu apitzu de is arratzas sardas de canis, Canis Gherradoris ed. PTM) cun su tìtulu “La lupa romana, un simbolo per l’alleanza”, in sa pàgina 54. Sa pregunta chi su stidiosu Roberto Balia si ponit est: “sa Lupa arromana, diaderus unu lupu de Arroma o unu cani sardu est?”. Artìculu de interessu mannu, chi aberit moris nous de stùdiu. Si consillaus de coru de dda comporai!

Nel numero 4 della rivista Canidapresa trovate l’articolo di Roberto Balia (anche autore del libro sulle razze sarde di cani, Canis Gherradoris ed. PTM) dal titolo “La lupa romana, un simbolo per l’alleanza”, alla pagina 54. La domanda che lo studioso Roberto Balia si pone è: “la Lupa romana, è davvero un Lupo di Roma o è un cane sardo?”. Articolo molto interessante che apre nuove strade di studio. Vi consigliamo caldamente di acquistarla!Lupa Arromana