ottobre 2009


Custus funt duus de is callelleddus nàscius su 31 de austu 2009, su babu est Nur e sa mama est Marigosa.

 

Comenti fait a biri de is fotografias, unu (su prus craru) amostat giai unu naturali fìsicu de molossu grai, cun peddi meda, gràndula meda, faci “trista” e pilu curtzu curtzu; est biatzu meda, e no timit nudda.

 

S’àteru (su prus scuriu, in prus portat una mància arba manna meda in su petus) amostat unu naturali de molossu mannu ma chena de peddi meda e gràndula meda che s’àteru, abarrat prus che unu cane corso, mentras s’àteru parit prus che su naturali de su mastiff; su naturali est prus asseliau de su fradi.

 

Totu e duus funt acansaditzus, po àterus informus e po ddus biri a faci, abastat a mi mandai una lìtera eletrònica.

 

canisardu@hotmail.it

 

 

Questi sono due dei cuccioli nati il 31 agosto 2009, il padre è Nur e la mamma è Marigosa.

 

Come si vede dalle foto, uno (il più chiaro) mostra di già caratteristiche fisiche tipiche del molosso pesante, con molta pelle, abbondante giogaia, faccia “languida” e il pelo è molto corto; è molto vivace, e non ha paura di niente.

 

L’altro (quello più scuro, in più ha una macchia bianca molto grande nel petto) mostra le caratteristiche del molosso grande ma senza molta pelle e giogaia non molto abbondante, rimane più sul cane corso, mentre l’altro sembra più rassomigliante alle caratteristiche del mastiff; il carattere è più tranquillo rispetto al fratello.

 

Tutti e due sono disponibili, per informazioni e per vederli personalmente, basta mandarmi una email.

 

canisardu@hotmail.it

Tzitzone

Tzitzone

A-i custu cani no serbit a ddi fai una presentada. Chena duda peruna est su prus cani pertiatzu, trìghinu de Gavoi, dogo sardo famau de Sardìnnia.

Fillu de Raviolu, cani mèlinu aresti meda (is meris suus s’ant contau chi a callelleddu est abarrau po mesis aìnturu de una tana, po cussu no fiat sotzialisau meda) chi mancai no fessit stètiu su prus cani bellu de su mundu, at sèmpiri fatu fillus stravanaus, po-i cussu genti meda ddu boliant po coberri is canis insoru.

De is fotografias fait a biri comenti fiat bellu, mannu meda, mancai no ddu eus mesurau mai, a ogu, depiat essi unus 68 cm a sa pala e a su mancu unus 45 kg, est a nai unu molossu diaderus, conchimannu e a pilu curtzu a colori bellu meda, cèrbinu cun pagu pèrtias.

Su naturali suu fiat bonu, est a nai, asseliau, no tzaulàt po de badas e no si nci ghetàt apitzu de totu e totus, unu cani de guàrdia perfetu.

At lassau medas fillus chi funt trasmitendi su DNA suu a is fillus insoru; est chena duda peruna una lìnia se sànghini chi merescit a dda allogai beni po is naturalis bonus molossòidis suus.

A dolu mannu Tzitzone est mortu duus annus a oi po disgràtzia.

 

A questo cane non serve fargli presentazioni. È senza nessun dubbio il cani pertiatzu, trìghinu de Gavoi, dogo sardo più famoso in Sardegna

Figlio di Raviolu, cane color miele molto selvatico (i suoi padroni ci hanno raccontato che da cucciolo è rimasto per mesi dentro una tana, per questo non aveva una buona socializzazione) che, anche se non è stato il cane più bello del mondo, ha sempre fatto figli incredibili, per questo molta gente ha portato le proprie cagne per monte.

Dalle fotografie si può vedere quanto era bello, molto grande, e anche se non gli abbiamo preso mai le misure, a occhio, doveva essere sui 68 cm al garrese e almeno 45 kg, sarebbe a dire un vero molosso, dalla testa grande e dal pelo corto dal bel colore, fulvo cervo con poche serpature.

Il suo carattere era buono, sarebbe a dire, tranquillo, non abbaiava inutilmente e non si buttava contro tutto e tutti, un cane da guardia perfetto.

Ha lasciato figli che stanno trasmettendo a loro volta il suo DNA ai loro figli; è senza nessun dubbio una linea di sangue che merita di essere conservata per le sue buone caratteristiche molossoidi.

Purtroppo Tzitzone è morto due anni fa per una disgrazia.