Sa gràndula est sa peddi in prus asuta de su tzugu, tìpica de is canis molossus. Ma a ita serbit? Simpri meda, est una defensa contras de is lupus, de is margianis, de is àterus canis e de su bestiàmini chi podint atacai su molossu candu est faendi su traballu suu. Po custa arrexoni is pastoris de totu su mundu ant pesau canis a gràndula; lassendi a perdi is canis seletzionaus meda po is amostas, castieus a is arratzas de traballu comenti a su pastori de s’Àsia de mesu, su kangal köpegi, bully kutta e il fila brasileiro. Est unu naturali aici antigu chi ddu agataus po finsas in d-una terra-cota sumera de 4.000 annus a oi, sa Sìtula de Nimrud (chi fait a biri in su British Museum de Londra).

Calincunu cun pagu sperièntzia de canis narat…gràndula? = linfatismu!…custa est una cosa chi fait arriri meda, ca su linfatismu est una maladia lègia de sa tiròidi, chi fait bessiri su cani chena de gana de traballai, sèmpiri dromi dromi e cun peddi meda in dònnia logu, est a nai s’imbressi de su chi is pastoris bolint de unu cani!!!

Renato Soardo, allevadori de mastinus napolitanus giai in su 1970 at nau chistionendi de sa peddi meda de is mastinus:

“…insisto sulla caretteristica ereditaria e razziale per contribuire a far perdere il malcostume di definire “linfatismo” tale abbondanza, dimenticando che la diagnosi di linfatismo non può essere posta se non dopo accurati esami ematologici e dei plessi ghiandolari che possono essere eseguiti solo in laboratori particolarmente attrezzati. Si direbbe quasi, con un po’ di romantica immaginazione, che la natura abbia provveduto a creare questo fenomeno allo scopo di rendere ardua all’eventuale avversario, per quanto fiero e battagliero, di piazzare l’offesa mordace sugli organi vitali e più esposti, quali le arterie e le vene giugulari carotidee, difficilmente afferrabili dal morso proprio a causa dell’estrema dislocabilità delle giogaie e delle pliche… “ (“Uomini e cani” de Gaetano Carlevaro Persico, ed. Beniamino Carucci, 1970).

In su cani pertiatzu sa gràndula dda agataus in medas canis, prus chi totu in is canis seletzionaus beni de diora chi funt boghendi torra unu naturali chi sa disseletzioni iat fatu sparessi, difatis no dda agataus prus chi totu in is canis cun bruncu longu a tipu pastori tedescu e in is canis pertiatzus chi tenint meda sànghini de fonnesu (is canis a “pilu de sirboni”).

In is fotografias antigas fait a agatai canis pertiatzus cun gràndula e a pilu curtzu, molossus a su 100%, comenti a custu mascu bèciu de is annus ’70 de su sèculu passau (fotografia de G. Frogheri, pigada de su lìburu “Canis Gherradoris” de Roberto Balia).

Duncas, arresuminendi fait a nai chi no si depeus spantai chi nàsciant canis cun gràndula meda, ca est in su naturali de is molossus de millas e millas de annus, ma si depeus amentai beni chi no fait a seletzionai is canis po cussu sceti, deghinou eus a pesai un’àteru sharpei!

La giogaia è la pelle in più che si trova nel collo, tipica dei cani molossi. Ma a cosa serve? È semplicemente una difesa contro i lupi, volpi, altri cani e bestie che possono attaccare il molosso nell’esercizio delle sue funzioni. Per questo motivo i pastori di tutto il mondo hanno creato cani con la giogaia; lasciando perdere i cani selezionati molto per le mostre, diamo uno sguardo alle razze da lavoro come al pastore dell’Asia centrale, il kangal köpegi, bully kutta e il fila brasileiro. È una caratteristica così antica che la troviamo addirittura in una terracotta sumera di 4.000 anni fa, la Situla di Nimrud (che si può vedere nel British Museum di Londra).

Qualcuno con poca esperienza in campo cinofilo dice…giogaia? = linfatismo!…questa è una cosa che fa davvero ridere, perchè il linfatismo è una brutta malattia della tiroide che fa diventare il cane svogliato, inadatto al lavoro, sempre assonnato e con pelle eccessiva ovunque, sarebbe a dire il contrario di quello che i pastori vogliono da un cane!!!

Renato Soardo, allevatore di mastini napoletani già nel 1970 disse parlando della grande quantità di pelle dei mastini:

“…insisto sulla caretteristica ereditaria e razziale per contribuire a far perdere il malcostume di definire “linfatismo” tale abbondanza, dimenticando che la diagnosi di linfatismo non può essere posta se non dopo accurati esami ematologici e dei plessi ghiandolari che possono essere eseguiti solo in laboratori particolarmente attrezzati. Si direbbe quasi, con un po’ di romantica immaginazione, che la natura abbia provveduto a creare questo fenomeno allo scopo di rendere ardua all’eventuale avversario, per quanto fiero e battagliero, di piazzare l’offesa mordace sugli organi vitali e più esposti, quali le arterie e le vene giugulari carotidee, difficilmente afferrabili dal morso proprio a causa dell’estrema dislocabilità delle giogaie e delle pliche… “ (“Uomini e cani” di Gaetano Carlevaro Persico, ed. Beniamino Carucci, 1970).

Nel dogo sardo la giogaia la troviamo in molti cani, sopratutto nei cani che vengono selezionati bene da molto tempo, che stanno facendo riuscire delle caratteristiche che la disselezione aveva fatto sparire, infatti non troviamo la giogaia più che altro nei cani con muso lungo tipo pastore tedesco e nei doghi sardi che hanno molto sangue di cane di fonni (i cani con “il pelo di cinghiale”).

Nelle fotografia antiche si possono trovare doghi sardi con giogaia e dal pelo corto, molossi al 100%, come questo vecchio maschio degli anni ’70 del secolo scorso (fotografia de G. Frogheri, preso dal libro “Canis Gherradoris” di Roberto Balia).

Dunque, tirando le somme, si può dire che non ci dobbiamo meravigliare della nascita di cani con molta giogaia, perchè è nella natura dei molossi da migliaia di anni, ma dobbiamo tenere bene a mente che non si può selezionare i cani per questo solamente, altrimenti avremo un altro sharpei!

Advertisements