giugno 2010


Custa est una pellìcula de su Istituto Luce de su 1926, anca fait a biri a una truma de cassadori inghitzendi a cassai. A dereta fait a biri unu molossu bellu a bruncu curtzu, chi parit essi mèlinu, scoau e sdorigau. De su de 20 segundus fait a biri comenti ddu intzullant e comenti issu arrespundit beni.

In sa segundu parti de sa pellìcula “In riposo pressa la casa sul monte”, parit chi a manca nci siat unu cani de lèpuri, a origas a arrosa e a bruncu e carena tìpicu.

Questo è un filmato dell’Istituto Luce del 1926, nel quale si può vedere un gruppo di cacciatori che si apprestano alla caccia. A destra si può vedere un bel molosso dal muso corto, sembra essere color miele, senza coda e con le orecchie mozzate. Dal ventesimo secondo si può vedere come lo aizzino e come risponda bene.

Nella seconda parte del filmato “In riposo presso la casa sul monte”, sembra che ci sia un levriero, dalle orecchie a rosetta e dal muso e corporatura tipico.

Annunci

Custu acuarellu ddu at fatu Simoni Manca de Mores, acabendi su 1800. Su tìtulu originali suu est “Passaggio del guado con donna alla groppe”. Fait a biri de manera crara unu cani de lèpori, a manca, e a dereta unu cani molossu, sdorigau e scoau, a pilu chi podit parri “ràspinu”.

Questo acquarello è stato fatto da Simone Manca di Mores verso la fine del 1800. Il suo titolo originale è “Passaggio del guado con donna alla groppe”. Si può vedere chiaramente un levriero sardo, sulla sinistra, e alla destra un molosso, con orecchie e coda mozzate, con il pelo che sembrerebbe “ràspinu” ovvero corto e forte.