Giòbia su 12 de austu si nd’est andau un’amigu stimau, Roberto Balia.

Ddu eus connotu annus a oi ca cumpartzemus su pròpiu spèddiu po is canis sardus e po sa terra nosta, chi issu stimàt cun totu su coru suu.

Est gràtzias a genti che a issu chi medas sardus ant torrau a scoberri una sienda naturalìstica chi femus scarescendi-sì, gràtzias a is artìculus suus in arrevistas, giorronalis e gràtzias a unu traballu mannu chi est bessiu pagu annus a oi, su lìburu “Canis Gherradoris”, su primu lìburu apitzu de is canis sardus.

Roberto stimau, nosu ti promiteus chi eus a sighiri su traballu chi as inghitzau tui, cun su pròpiu spèddiu! Eus a sighiri su traballu tuu de circa stòrica, de circa zootènnica e eus a spainai su cani pertiatzu, su cani de Fonne, su cani de lèpori, chena gelosias, comenti s’as imparau tui.

A si biri Roberto! No t’eus a scaresci mai! Is amigus tuus.

 

Giovedì 12 agosto se n’è andato un carissimo amico, Roberto Balia.

L’abbiamo conosciuto anni fa in quanto condividevamo la stessa passione per i cani sardi e per la nostra terra, che lui amava con tutto il suo cuore.

È grazie a gente come lui che molti sardi hanno riscoperto un patrimonio naturalistico che ci stavamo dimenticando, grazie ai suoi articoli in riviste, giornali e grazie ad un grande lavoro che è uscito pochi anni fa, il libro “Canis Gherradoris”, il primo libro sui cani sardi.

Carissimo Roberto, noi ti promettiamo che seguiremo il lavoro che hai iniziato, con la stessa passione! Seguiremo il tuo lavoro di ricerca storica, di ricerca zootecnica e diffonderemo il dogo sardo, il cane di Fonni, il levriero sardo, senza gelosie, come ci hai insegnato tu.

Ciao Roberto! Non ti dimenticheremo mai! I tuoi amici.

Advertisements