Apustis de annus e annus chi is canis nostus fiant scarèscius, ndi seus torrendi a chistionai, gràtzias a lìburus sèrius (Canis Gherradoris, de Roberto Balia), gràtzias a artìculus chi chistionant de sa stòria de is canis nostus, de comenti funt, gràtzias a Internet. A medas sardus diaici ndi est bènnia sa gana de si pigai unu callelleddu o de cani pertiatzu, o de cani de lèpori (o cane curridore) o de fonnesu. Is barrancus cumentzant innoi! A chini preguntai? Chi deu bollu unu callelleddu de calichisiat arratza, ita fatzu? Circu unu allevamentu, unu annùntziu in is giorronalis, Internet…po is canis sardus no est diaici simpri! Allevamentus mannus o piticus chi fait a ddoi andai e sceberai unu cani, no nci ndi funt, medas chi ndi tenint canis, mancu ddus faint biri (sa gelosia scimpra de medas sardus!), duncas, tocat a chistionai cun privaus, innoi calincunu consillu.

1) A lassai a perdi a is chi nant… “deu sceti tengu is canis sintzillus!”, “is canis de X e de Y funt totus amesturus”, “chi ti dongu unu cani, no ddu depis fai biri e is callelleddus no ddus depis donai a X, Y”…craru est chi si unu passat su tempus chistionendi mali, a is palas, de is àterus, no est òmini (o fèmina) chi fait a ndi tenni cunfiantza…ddu estis a pigai unu cani de genti diaici fordeta? 🙂

2) Unu allevadori (mancai piticheddu) sèriu depit fai biri su babu e sa mama de is callelleddus suus e depit connosci sa lìnia de sànghini insoru! Chi unu no ndi bolit chistionai o bogat scusas de malu pagadori, mellus a si ndi andai…

3) De unus cantu annus a sdorigai e a scoai is canis est unu crìmini penali, chini ddu fait arriscat una machìtzia de millas de èurus e presoni puru. Duncas tocat a aturai atentus!

4) No esistint “guru” de is canis sardus! A sceberai sèmpiri a is modestus chi si amostant acansaditzus, chi bolint chistionai cun praxeri, is chi funt sèmpiri chistionendi de comenti funt bravus issus, mellus a ddus lassai a perdi…depint essi is àterus a apretziai unu traballu, no chini at fatu su traballu etotu! 🙂

5) Atentzioni a no si fai frigai cun su dinai! Chi si pedint dinai meda e su callelleddu mancu est vacinau o sberminau, si bolint cullunai! Chi si nant chi ant fatu vacinus e no si donant unu libureddu de is vacinus arregulari, si bolint cullunai! Chi si donant unu callelleddu e po “gastus giniralis”, chi no scieis ita funt, si pedint 200€, mancai su cani est bellu, si ant cullunau, seus chistionendi de genti chi no est onesta! Chi seis comporendi unu callelleddu e seis spendendi dinai, depeis pretendi de podi sceberai su cani, chi su cani no tengat 30 diis, chi siat vacinau e aici nendi, est a nai sa prassi normali candu unu si pigat unu cani. Tocat a aturai atentus meda…

6) Calincunu narat… “totu is annùntzius funt unu cullunu…canis burdus…no fait a si fidai”. No est diaci e difatis is chi nant custas cosas a s’acabu nant puru “nosu sceti teneus is canis bonus!”. Abastat a aturai atentus, a sighiri is consillus de pitzus e imperai su sentidu bonu e fait a agatai puru in is annùntzius cani bellus diaderus!

Dopo molti anni nei quali i nostri cani sono stati dimenticati, ne stiamo riparlando, grazie a libri seri (Canis Gherradoris, di Roberto Balia), grazie a articoli che parlano della storia dei nostri cani, di come sono, grazie a Internet. A molti sardi a questo punto è venuto il desiderio di prendersi un cucciolo o di dogo sardo, o di levriero sardo, o di fonnese. Le difficoltà iniziano a questo punto! A chi chiedere? Se io voglio un cucciolo di qualsiasi razza, che faccio? Cerco un allevamento, un annuncio nei giornali, Internet…per i cani sardi non è così semplice! Allevamenti grandi e piccoli nei quali dove si può andare a scegliere un cane, non ce ne sono, molti possessori di cani nemmeno li fanno vedere (la gelosia stupida di molti sardi!), dunque bisogna parlare con privati, qui qualche consiglio.

1) Meglio lasciar perdere quelli che dicono…”solo io ho i veri cani puri!”, “i cani di X e di Y sono solo dei bastardoni”, “se ti do un cane, non lo devi far vedere e i cuccioli non li devi dare a X, Y”…è chiaro che se uno passa il tempo a parlare male, alle spalle, degli altri, non è un uomo (o donna) del quale si può avere fiducia…lo prendereste mai un cane da gente così pettegola? 🙂

2) Un allevatore (anche se piccolo) serio deve far vedere i genitori dei suoi cuccioli e deve conoscere la loro linea di sangue! Se uno non ne vuole parlare o cerca scuse, meglio andarsene…

3) Da qualche anno il taglio delle orecchie e della coda è un reato penale, chi non rispetta questo veto incorre in multe salatissime e anche la prigione. Dunque bisogna stare attenti!

4) Non esistono “guru” dei cani sardi! Meglio scegliere i modesti che si dimostrano disponibili, che parlano con piacere, quelli che passano il tempo a vantarsi, meglio lasciarli perdere…devono essere gli altri ad apprezzare un lavoro, non lo stesso che lo ha fatto! 🙂

5) Attenzione a non farvi fregare soldi! Se vi chiedono tanti soldi e il cucciolo nemmeno è vaccinato o sverminato, vi vogliono fregare! Se vi dicono che hanno fatto vaccini e non vi danno il libretto regolamentare dei vaccini, vi vogliono fregare! Se vi danno un cucciolo e per “spese generali”, che non sapete cosa siano, vi chiedono 200€, anche se si tratta di un bel cane, vi hanno fregato, stiamo parlando di gente che non è onesta! Se comprate un cucciolo e state spendendo soldi, dovete pretendere di poter scegliere il cane, che il cane non abbia 30 giorni, che sia vaccinato e così via, sarebbe a dire la prassi normale di quando si prende un cane. Bisogna stare molto attenti…

6) Qualcuno dice… “tutti gli annunci sono un imbroglio…cani bastardi…non ci si può fidare”. Non è così e infatti quelli che dicono queste cose poi alla fine dicono anche “solo noi abbiamo buoni cani!”. Basta stare attenti, seguire i consigli di sopra e usare il buon senso e si possono trovare anche tramite annuncio bei cani davvero!