Araxi (a manca, meri P. Perra – a sinistra, pr. P. Perra) e Rudy (a dereta, meri G. Amadori – a destra, pr. G. Amadori)

In su mesi de idas de su 2009 est bessiu in La Nuova Sardegna un’artìculu chi naràt “Salviamo gli ultimi 100 levrieri sardi”. Is amantiosus de is canis sardus si fiant impensamentaus meda chi is canis de lèpori si sparessesint po sèmpiri, ma no est andada diaici.Giai giai tres annus funt passaus de cussu artìculu e oindii fait a nai chi nci funt prus meda de 100 canis de lèpori in Sardìnnia! Su càrculu de 100 canis fiat giustu, ma po sa Sardìnnia de Susu sceti! E totu sa Sardìnnia de Giossu? Is chi iant scritu cussu artìculu no si funt pensaus chi de àteras partis puru nci depiant essi canis de lèpori e chi is pranus mannus de su Campidanu fiant su logu perfetu po custa genia de canis! Difatis in Sardìnnia de Giossu nci funt centenas de canis de lèpori bellus meda, canis chi sa genti pesat de sèmpiri comenti a agiudu in su sartu po cassai lèpori e po nci bogai su margiani. Duus circadoris giòvunus e allevadoris de canis de lèpori, Frantziscu Maxia e Mimia Virdis, ant girau meda po circai e studiai is canis de sa Sardìnnia de Giossu e ndi est bessiu aforas chi no sceti nci ndi funt medas ma is chi nci funt, funt omogèneus e de calidadi arta meda!Fait a nai chi no si depeus timi prus chi su cani de lèpori si sparessat, ma depeus aturai atentus a chi calincunu no si pongat a fai amesturus cun àteras arratzas o chi nàsciat una moda chi at a fai morri su cani de lèpori traballadori e ddu arremprasit cun d-unu cani po is amostas sceti.

S’eus a fai sciri fatu fatu chi nci funt callelleddus acansaditzus chi eus a donai a is chi tenint s’interessu de traballai cun nosu a spainai s’arratza.

Torraus gràtzias a Frantziscu Maxia e a Mimia Virdis po is fotografias chi bieis in bàscius.

Nel mese di dicembre del 2009 è uscito ne La Nuova Sardegna un articolo dal titolo “Salviamo gli ultimi 100 levrieri sardi”. Gli amanti dei cani sardi si preoccuparono molto del fatto che i levrieri sardi potessero sparire per sempre, ma non è andata così.

Sono passati quasi tre anni da quell’articolo e oggigiorno si può dire che ce ne sono molti di più di 100 in tutta la Sardegna! Il calcolo di 100 era giusto, ma solo per la Sardegna del Nord! E nel Sud Sardegna? Gli autori dell’articolo non hanno pensato che anche in altre parti della Sardegna ci potessero essere levrieri sardi e che le grandi pianure campidanesi erano un luogo perfetto per questo tipo di cani! Infatti in Sardegna meridionale ci sono centinaia di levrieri sardi molto belli, cani che la gente alleva da sempre come ausiliari da campagna nella caccia alla lepre e per tenere lontane le volpi. Due giovani ricercatori e allevatori di levrieri sardi, Francesco Maxia e Marianna Virdis hanno girato in lungo e in largo per cercare e studiare i cani presenti nella Sardegna meridionale e ne è risultato che non solo ci sono tanti levrieri, ma quelli trovati sono anche omogenei e di alta qualità!

Si può dire che non dobbiamo più temere l’estinzione del levriero sardo, ma dobbiamo tenere alta la guardia affinchè nessuno si metta a fare incroci o diventi un cane di moda, decretando la sua fine come lavoratore e diventi un cane buono solo per le passerelle.

Vi faremo sapere di volta in volta quando ci saranno cuccioli disponibili chi daremo a quelli che hanno l’intenzione di darci una mano nel diffondere questa razza.

Ringraziamo Francesco Maxia e Marianna Virdis per le fotografie che vedete qui sotto.

Advertisements