Cani pertiatzu/Giàgaru – Dogo sardo


Flash - fotografia tirada de A. Càntara

De su 9 a su 13 de austu Flash e Nuxedda (filla de Marigosa e Nur) funt stètius imparis ca Nuxedda fiat in is diis bonas de s’insuamentu. Custu bolit nai, chi totu est andau beni, chi in sa perra de mesi de ladàmini ant a nasci is fillus insoru. 

Po informus: canisardu@hotmail.it

Dal 9 al 13 agosto Flash e Nuxedda (figlia di Marigosa e Nur) sono stati messi insieme in quanto Nuxedda era nei giorni fertili del calore. Questo vuol dire, se tutte le cose sono andate bene, che nella metà di ottobre nasceranno i loro cuccioli.

Per informazioni: canisardu@hotmail.it  

Annunci

 

Custu est chena duda peruna unu de is prus canis pertiatzus mannus chi fait a agatai in Sardìngia.

Po chistioni de privacy fait a nai sceti chi ndi benit de Lùvula, logu anca fait a agatai in dii de oi puru canis mannus diaderus, comenti nci ndi fiant in su passau in totu sa terra nosta.

Custu molossu, chi pesat unus 60 kg, portat una gràndula bella, proa chi custu est unu naturali chi fait a agatai in medas molossus arcàicus sardus.

Custu mascu est acansaditzu po coberri fèminas, seus circhendi po issu fèminas de custa tipologia, ca est una lìnia chi bolit apoderada, ma andant beni àteras genias de fèminas puru.

Po informus canisardu@hotmail.it

Questo è senza nessun dubbio uno dei doghi sardi più grandi della Sardegna.

Per questioni di privacy possiamo dire solamente che è originario di Lula, posto dove si possono ancora trovare esemplari particolarmente grossi, un tempo molto più diffusi anche in altre zone della nostra isola.

Questo molosso, che pesa sui 60 kg, ha una bella giogaia, prova che questa è una caratteristica che si può trovare in molti molossi arcaici sardi.

Questo maschio è disponibile per monte, gli stiamo cercando femmine della sua tipologia, perchè è una linea che va mantenuta, ma vanno bene anche altre tipologie di femmine.

Per informazioni canisardu@hotmail.it

Sa gràndula est sa peddi in prus asuta de su tzugu, tìpica de is canis molossus. Ma a ita serbit? Simpri meda, est una defensa contras de is lupus, de is margianis, de is àterus canis e de su bestiàmini chi podint atacai su molossu candu est faendi su traballu suu. Po custa arrexoni is pastoris de totu su mundu ant pesau canis a gràndula; lassendi a perdi is canis seletzionaus meda po is amostas, castieus a is arratzas de traballu comenti a su pastori de s’Àsia de mesu, su kangal köpegi, bully kutta e il fila brasileiro. Est unu naturali aici antigu chi ddu agataus po finsas in d-una terra-cota sumera de 4.000 annus a oi, sa Sìtula de Nimrud (chi fait a biri in su British Museum de Londra).

Calincunu cun pagu sperièntzia de canis narat…gràndula? = linfatismu!…custa est una cosa chi fait arriri meda, ca su linfatismu est una maladia lègia de sa tiròidi, chi fait bessiri su cani chena de gana de traballai, sèmpiri dromi dromi e cun peddi meda in dònnia logu, est a nai s’imbressi de su chi is pastoris bolint de unu cani!!!

Renato Soardo, allevadori de mastinus napolitanus giai in su 1970 at nau chistionendi de sa peddi meda de is mastinus:

“…insisto sulla caretteristica ereditaria e razziale per contribuire a far perdere il malcostume di definire “linfatismo” tale abbondanza, dimenticando che la diagnosi di linfatismo non può essere posta se non dopo accurati esami ematologici e dei plessi ghiandolari che possono essere eseguiti solo in laboratori particolarmente attrezzati. Si direbbe quasi, con un po’ di romantica immaginazione, che la natura abbia provveduto a creare questo fenomeno allo scopo di rendere ardua all’eventuale avversario, per quanto fiero e battagliero, di piazzare l’offesa mordace sugli organi vitali e più esposti, quali le arterie e le vene giugulari carotidee, difficilmente afferrabili dal morso proprio a causa dell’estrema dislocabilità delle giogaie e delle pliche… “ (“Uomini e cani” de Gaetano Carlevaro Persico, ed. Beniamino Carucci, 1970).

In su cani pertiatzu sa gràndula dda agataus in medas canis, prus chi totu in is canis seletzionaus beni de diora chi funt boghendi torra unu naturali chi sa disseletzioni iat fatu sparessi, difatis no dda agataus prus chi totu in is canis cun bruncu longu a tipu pastori tedescu e in is canis pertiatzus chi tenint meda sànghini de fonnesu (is canis a “pilu de sirboni”).

In is fotografias antigas fait a agatai canis pertiatzus cun gràndula e a pilu curtzu, molossus a su 100%, comenti a custu mascu bèciu de is annus ’70 de su sèculu passau (fotografia de G. Frogheri, pigada de su lìburu “Canis Gherradoris” de Roberto Balia).

Duncas, arresuminendi fait a nai chi no si depeus spantai chi nàsciant canis cun gràndula meda, ca est in su naturali de is molossus de millas e millas de annus, ma si depeus amentai beni chi no fait a seletzionai is canis po cussu sceti, deghinou eus a pesai un’àteru sharpei!

La giogaia è la pelle in più che si trova nel collo, tipica dei cani molossi. Ma a cosa serve? È semplicemente una difesa contro i lupi, volpi, altri cani e bestie che possono attaccare il molosso nell’esercizio delle sue funzioni. Per questo motivo i pastori di tutto il mondo hanno creato cani con la giogaia; lasciando perdere i cani selezionati molto per le mostre, diamo uno sguardo alle razze da lavoro come al pastore dell’Asia centrale, il kangal köpegi, bully kutta e il fila brasileiro. È una caratteristica così antica che la troviamo addirittura in una terracotta sumera di 4.000 anni fa, la Situla di Nimrud (che si può vedere nel British Museum di Londra).

Qualcuno con poca esperienza in campo cinofilo dice…giogaia? = linfatismo!…questa è una cosa che fa davvero ridere, perchè il linfatismo è una brutta malattia della tiroide che fa diventare il cane svogliato, inadatto al lavoro, sempre assonnato e con pelle eccessiva ovunque, sarebbe a dire il contrario di quello che i pastori vogliono da un cane!!!

Renato Soardo, allevatore di mastini napoletani già nel 1970 disse parlando della grande quantità di pelle dei mastini:

“…insisto sulla caretteristica ereditaria e razziale per contribuire a far perdere il malcostume di definire “linfatismo” tale abbondanza, dimenticando che la diagnosi di linfatismo non può essere posta se non dopo accurati esami ematologici e dei plessi ghiandolari che possono essere eseguiti solo in laboratori particolarmente attrezzati. Si direbbe quasi, con un po’ di romantica immaginazione, che la natura abbia provveduto a creare questo fenomeno allo scopo di rendere ardua all’eventuale avversario, per quanto fiero e battagliero, di piazzare l’offesa mordace sugli organi vitali e più esposti, quali le arterie e le vene giugulari carotidee, difficilmente afferrabili dal morso proprio a causa dell’estrema dislocabilità delle giogaie e delle pliche… “ (“Uomini e cani” di Gaetano Carlevaro Persico, ed. Beniamino Carucci, 1970).

Nel dogo sardo la giogaia la troviamo in molti cani, sopratutto nei cani che vengono selezionati bene da molto tempo, che stanno facendo riuscire delle caratteristiche che la disselezione aveva fatto sparire, infatti non troviamo la giogaia più che altro nei cani con muso lungo tipo pastore tedesco e nei doghi sardi che hanno molto sangue di cane di fonni (i cani con “il pelo di cinghiale”).

Nelle fotografia antiche si possono trovare doghi sardi con giogaia e dal pelo corto, molossi al 100%, come questo vecchio maschio degli anni ’70 del secolo scorso (fotografia de G. Frogheri, preso dal libro “Canis Gherradoris” di Roberto Balia).

Dunque, tirando le somme, si può dire che non ci dobbiamo meravigliare della nascita di cani con molta giogaia, perchè è nella natura dei molossi da migliaia di anni, ma dobbiamo tenere bene a mente che non si può selezionare i cani per questo solamente, altrimenti avremo un altro sharpei!

Tzitzone

Tzitzone

A-i custu cani no serbit a ddi fai una presentada. Chena duda peruna est su prus cani pertiatzu, trìghinu de Gavoi, dogo sardo famau de Sardìnnia.

Fillu de Raviolu, cani mèlinu aresti meda (is meris suus s’ant contau chi a callelleddu est abarrau po mesis aìnturu de una tana, po cussu no fiat sotzialisau meda) chi mancai no fessit stètiu su prus cani bellu de su mundu, at sèmpiri fatu fillus stravanaus, po-i cussu genti meda ddu boliant po coberri is canis insoru.

De is fotografias fait a biri comenti fiat bellu, mannu meda, mancai no ddu eus mesurau mai, a ogu, depiat essi unus 68 cm a sa pala e a su mancu unus 45 kg, est a nai unu molossu diaderus, conchimannu e a pilu curtzu a colori bellu meda, cèrbinu cun pagu pèrtias.

Su naturali suu fiat bonu, est a nai, asseliau, no tzaulàt po de badas e no si nci ghetàt apitzu de totu e totus, unu cani de guàrdia perfetu.

At lassau medas fillus chi funt trasmitendi su DNA suu a is fillus insoru; est chena duda peruna una lìnia se sànghini chi merescit a dda allogai beni po is naturalis bonus molossòidis suus.

A dolu mannu Tzitzone est mortu duus annus a oi po disgràtzia.

 

A questo cane non serve fargli presentazioni. È senza nessun dubbio il cani pertiatzu, trìghinu de Gavoi, dogo sardo più famoso in Sardegna

Figlio di Raviolu, cane color miele molto selvatico (i suoi padroni ci hanno raccontato che da cucciolo è rimasto per mesi dentro una tana, per questo non aveva una buona socializzazione) che, anche se non è stato il cane più bello del mondo, ha sempre fatto figli incredibili, per questo molta gente ha portato le proprie cagne per monte.

Dalle fotografie si può vedere quanto era bello, molto grande, e anche se non gli abbiamo preso mai le misure, a occhio, doveva essere sui 68 cm al garrese e almeno 45 kg, sarebbe a dire un vero molosso, dalla testa grande e dal pelo corto dal bel colore, fulvo cervo con poche serpature.

Il suo carattere era buono, sarebbe a dire, tranquillo, non abbaiava inutilmente e non si buttava contro tutto e tutti, un cane da guardia perfetto.

Ha lasciato figli che stanno trasmettendo a loro volta il suo DNA ai loro figli; è senza nessun dubbio una linea di sangue che merita di essere conservata per le sue buone caratteristiche molossoidi.

Purtroppo Tzitzone è morto due anni fa per una disgrazia.

Nur
Nur

Est unu cani pertiatzu (giàgaru o dogo sardo in lìngua italiana) nàsciu su 20.4.2006 de Tzitzone (chi a dolu mannu s’est mortu) e Zaccaria, totu e duus canis de Gavoi.

Ddu apu pigau a is duus mesis e giai amostàt totu is caraterìsticas tìpicas de is molossus antigus, pilu curtzu, est unu cani conchimannu cun gràndula meda chi est trasmitendi a is fillus puru. Est artu a is palas 64 cm e pesat unus 36 kg, sa conca totu a ingìriu est 52 cm, sa longària de sa conca est 24 cm e su bruncu est longu 10 cm.

Est masedu meda cun nosu de familla ma fridu cun is stràngius e no bàliat is àterus canis mascus. Est bonu meda po sa guàrdia.

Custu mascu est acansaditzu po coberri fèminas bonas. Po informus: canisardu@hotmail.it

 

È un cani pertiatzu (giàgaru o anche dogo sardo in lingua italiana) nato il 20.4.2006 da Tzitzone (purtroppo morto) e Zaccaria, entrambi cani di Gavoi.

L’ho preso quando aveva due mesi e già mostrava tutte le caratteristiche tipiche dei molossi antichi, pelo corto, è un cane dalla testa grossa con molta giogaia che trasmette anche ai figli. È alto al garrese 64 cm e pesa circa 36 kg, la circonferenza cranica è 52 cm, la lunghezza della testa è 24 cm e il muso è lungo 10 cm.

È molto mansueto con noi di famiglia ma freddo con gli estranei e non sopporta gli altri cani maschi. È molto buono per la guardia.

Questo maschio è disponibile per montare buone femmine. Per informazioni: canisardu@hotmail.it

Marigosa
Marigosa

Est una cani pertiatza (giàgaru o dogo sardo in lìngua italiana) nàscia su 1.6.2006 de Ercole  e Petra.

Dda apu scioberada intru de totu is àterus callelleddus po duas chistionis, fiat sa a prus bruncu curtzu e in prus apu sighiu su consillu chi m’ant donau medas pastoris chi pesant custus canis, est a nai chi “sa fèmina mellus est sa fèmina pitichedda” e difatis agoa de sa primu criada potzu nai chi su consillu fiat bonu, difatis at fatu callelleddus chi a mannus si funt amostaus bellus meda.

Comenti apu nau est pitichedda, est arta a is palas 52 cm e pesat unus 25 kg, sa conca totu a ingìriu est 42 cm, sa longària de sa conca est 20 cm e su bruncu est longu 7 cm. Ndi benit de una lìnia de sànghini cun pilu forti, a trassa de sirboni.

Sa primu borta chi at angiau (su 12 de martzu de su 2008) ndi at fatu 9 ma 3 si funt mortus illuegus. Est stètia una mama stravanada chena barrancu perunu, difatis at pesau is 6 callelleddus donendi-ddis su lati finsas a su mesi e mesu e passa.

Tenit unu naturali forti meda po essi una fèmina.

 

È una cani pertiatzu (giàgaru o anche dogo sardo in lingua italiana) nata il 1.6.2006 da Ercole e Petra.

L’ho scelta tra gli altri cuccioli per due motivi, era quella dal muso più corto e in più ho seguito il consiglio che mi hanno dato molto pastori che allevano questi cani, sarebbe a dire che “la femmina migliore è la femmina piccolina” e infatti dopo la prima cucciolata posso dire che il consiglio era buono, infatti ha fatto cuccioli che da grandi si sono rivelati molto belli.

Come ho detto è piccolina è alta al garrese 52 cm e pesa circa 25 kg, la circonferenza cranica è 42 cm, la lunghezza della testa è 20 cm e il muso è lungo 7 cm. Proviene da una linea di sangue con pelo forte, come quello del cinghiale.

La prima volta che ha partorito (il 12 marzo del 2008) ha fatto 9 cuccioli ma 3 sono morti subito. È stata una mamma meravigliosa senza nessun problema, infatti ha cresciuto i 6 cagnolini allattandoli fino al mese e mezzo e oltre.

Ha un carattere molto forte per essere una femmina.

 

Gavoi est una bidda de 3.000 bividoris posta in sa Brabaxa de Ollollai. Est chena duda peruna una bidda chi prus de totus at apoderau in puresa is canis antigus sardus, su molossu sardu, cani pertiatzu, chi is gavoesus nant trìghinu.

In su sartu de custa bidda fait a ndi biri medas, funt bastantementi omogèneus, pertiatzus, unus 60/65 cm a is palas, unus 30 kg (prus o mancu). Su pilu est curtzu cun suta-pilu chi in s’ierru (fridu meda in mesu de is montis sardus) bessit intipiu meda.

Est costumu a segai coa e a sdorigai is callelleddus candu tenint unus cantus diis.

Chi su cani pertiatzu fait a ddu biri oindii puru, est gràtzias puru a is pastoris gavoesus, chi ant apoderau custa arratza me is sèculus.

 

Gavoi è un paese di 3.000 abitanti della Barbagia di Ollolai. È senza nessun dubbio un paese che più di tutti gli altri at mantenuto in purezza i cani antichi sardi, il molosso sardo cani pertiatzu, che i gavoesi chiamano trìghinu.

Nella campagna di questo paese è possibile vederne molti, sono abbastanza omogenei, tigrati, 60/65 cm circa al garrese, 30 kg circa (più o meno). Il pelo è corto e con molto sottopelo che in inverno (molto freddo fra i monti sardi) diventa molto folto.

È abitudine tagliare la coda e le orecchie quando i cuccioli hanno pochissimi giorni.

Se è possibile vedere ancora il cani pertiatzu, è anche grazie ai pastori gavoesi, che hanno mantenuto questa razza nei secoli.

Pagina successiva »