Dal pastore fonnese al dogo, il raduno dei cani di razza sarda

I proprietari: «Recuperiamo un patrimonio biologico che non deve restare nascosto in ovili sperduti tra i monti»

di Roberto Petretto

SCANO MONTIFERRO. Non è un’adunata ideologica, o forse per alcuni è anche questo. Avere un cane legato alle origini di questa terra può essere un vezzo, un segno di distinzione, per qualcuno un potenziale business. Quasi sempre, però, è una questione di passione. C’è chi studia, si documenta, va in giro nei paesi per trovare esemplari di cui nei libri sulle razze canine non si parla. Il pastore fonnese è ormai un cane abbastanza noto. Ma di levriero sardo, di dogo sardo, persino di volpino sardo chi ha mai sentito parlare, a parte un manipolo di proprietari sparsi lungo tutta l’isola? Ieri dalle parti di Scano Montiferro, nel parco del santuario campestre di Sant’Antioco, sono arrivati un po’ da tutta l’isola per il “Raduno di cani sardi”, organizzato dall’Associazione cani di Sardegna.

Continua a leggere l’articolo cliccando qui.

Guarda le foto del raduno, clicca qui.

 

Tzitzone

S’assòtziu ACS, Assòtziu Canis de Sardìnnia, aparìciat po domìnigu su 7 de su mesi de ladàmini un’acorru de is arratzas sardas de canis in sa pratza acanta de sa crèsia de Santu Antiogu acanta de Iscanu. Su logu de s’atòbiu fait a ddu lompi de manera simpli passendi de Macumere, faci a Santu Lussurzu, candu arribais in su bìviu Iscanu-Bosa, depeis girai a dereta (sp 78), in su km 6 depeis girai torra a dereta sighendi is carteddus po is Mitzas de Santu Antiogu. S’atòbiu est a 3 km de candu eis girau.

Sa manifestatzioni, aberta a totus, at a cumentzai a is 9 oras e at a sighiri totu sa dii. At a fai a biri medas canis, fonnesus, pertiatzus, is canis de lèpori e at a fai a biri callelleddus de conillu puru.

Po prandi ant a arrustiri petza de su logu e una barrachedda at a bendi cosa de bufai frisca po totu su tempus de sa manifestatzioni.

Arrexonus apitzu de sa stòria e is caraterìsticas de is arratzas de is canis nostas ant a cumpriri sa dii.

Po ndi sciri de prus fait a s’acapiai a sa pàgina facebook de s’acorru Raduno cani sardi o fait a tzerriai a su nùmeru 3935500062.

L’associazione ACS, Associazione Cani di Sardegna, organizza per domenica 7 ottobre un raduno di razze canine sarde negli spazi circostanti la chiesa di Sant’Antioco a pochi chilometri da Scano Montiferro. Il luogo del raduno è facilmente accessibile passando da Macomer direzione Santu Lussurgiu, al bivio Scano Montiferro-Bosa, girare a destra (sp 78) al km 6 ancora a destra seguendo il cartello Sorgenti di S.Antioco. Il raduno si svolgerà a una distanza 3 km da quando avete girato.

La manifestazione, aperta a tutti, inizierà alle 9.00 e proseguirà per tutta la giornata. Sarà possibile ammirare numerosi esemplari, dai cani di Fonni ai doghi sardeschi agli elegantissimi levrieri sardi, saranno presenti anche rari esemplari di volpini sardi.

Prevista per ora di pranzo una grigliata di carni locali e un chiosco con bibite fresche sarà aperto per tutta la durata della manifestazione.

Dibattiti e interessanti discussioni sulla storia e sulle caratteristiche delle nostre razze canine sarde completeranno la giornata.

Per informazioni ci si può connettere alla pagina facebook dell’evento Raduno cani sardi o telefonare al numero 3935500062.

Craca in pitzus de sa mapa po dda amanniai – Clicca sulla mappa per ingrandirla

Araxi (a manca, meri P. Perra – a sinistra, pr. P. Perra) e Rudy (a dereta, meri G. Amadori – a destra, pr. G. Amadori)

In su mesi de idas de su 2009 est bessiu in La Nuova Sardegna un’artìculu chi naràt “Salviamo gli ultimi 100 levrieri sardi”. Is amantiosus de is canis sardus si fiant impensamentaus meda chi is canis de lèpori si sparessesint po sèmpiri, ma no est andada diaici.Giai giai tres annus funt passaus de cussu artìculu e oindii fait a nai chi nci funt prus meda de 100 canis de lèpori in Sardìnnia! Su càrculu de 100 canis fiat giustu, ma po sa Sardìnnia de Susu sceti! E totu sa Sardìnnia de Giossu? Is chi iant scritu cussu artìculu no si funt pensaus chi de àteras partis puru nci depiant essi canis de lèpori e chi is pranus mannus de su Campidanu fiant su logu perfetu po custa genia de canis! Difatis in Sardìnnia de Giossu nci funt centenas de canis de lèpori bellus meda, canis chi sa genti pesat de sèmpiri comenti a agiudu in su sartu po cassai lèpori e po nci bogai su margiani. Duus circadoris giòvunus e allevadoris de canis de lèpori, Frantziscu Maxia e Mimia Virdis, ant girau meda po circai e studiai is canis de sa Sardìnnia de Giossu e ndi est bessiu aforas chi no sceti nci ndi funt medas ma is chi nci funt, funt omogèneus e de calidadi arta meda!Fait a nai chi no si depeus timi prus chi su cani de lèpori si sparessat, ma depeus aturai atentus a chi calincunu no si pongat a fai amesturus cun àteras arratzas o chi nàsciat una moda chi at a fai morri su cani de lèpori traballadori e ddu arremprasit cun d-unu cani po is amostas sceti.

S’eus a fai sciri fatu fatu chi nci funt callelleddus acansaditzus chi eus a donai a is chi tenint s’interessu de traballai cun nosu a spainai s’arratza.

Torraus gràtzias a Frantziscu Maxia e a Mimia Virdis po is fotografias chi bieis in bàscius.

Nel mese di dicembre del 2009 è uscito ne La Nuova Sardegna un articolo dal titolo “Salviamo gli ultimi 100 levrieri sardi”. Gli amanti dei cani sardi si preoccuparono molto del fatto che i levrieri sardi potessero sparire per sempre, ma non è andata così.

Sono passati quasi tre anni da quell’articolo e oggigiorno si può dire che ce ne sono molti di più di 100 in tutta la Sardegna! Il calcolo di 100 era giusto, ma solo per la Sardegna del Nord! E nel Sud Sardegna? Gli autori dell’articolo non hanno pensato che anche in altre parti della Sardegna ci potessero essere levrieri sardi e che le grandi pianure campidanesi erano un luogo perfetto per questo tipo di cani! Infatti in Sardegna meridionale ci sono centinaia di levrieri sardi molto belli, cani che la gente alleva da sempre come ausiliari da campagna nella caccia alla lepre e per tenere lontane le volpi. Due giovani ricercatori e allevatori di levrieri sardi, Francesco Maxia e Marianna Virdis hanno girato in lungo e in largo per cercare e studiare i cani presenti nella Sardegna meridionale e ne è risultato che non solo ci sono tanti levrieri, ma quelli trovati sono anche omogenei e di alta qualità!

Si può dire che non dobbiamo più temere l’estinzione del levriero sardo, ma dobbiamo tenere alta la guardia affinchè nessuno si metta a fare incroci o diventi un cane di moda, decretando la sua fine come lavoratore e diventi un cane buono solo per le passerelle.

Vi faremo sapere di volta in volta quando ci saranno cuccioli disponibili chi daremo a quelli che hanno l’intenzione di darci una mano nel diffondere questa razza.

Ringraziamo Francesco Maxia e Marianna Virdis per le fotografie che vedete qui sotto.

Tzitzone

History:

The roots of the Sardinian Molosser, the Cani Pertiatzu, or dogo sardo in italian, are still mysterious. We know for sure that during the nuragic civilization of 1.800 – 1.100 B.C, that Sardinians used to have middle-sized/big dogs with big heads and a short muzzle. Over the centuries lots of different kind of Molossers arrived in Sardinia from all over Europe, especially from Spain, since Sardinia was a part of Spanish Empire for four centuries.

We find information on the Cani Pertiatzu in ancient documents; in the Carta de Logu, the Sardinian Carta Magna written, in the sardinian language, in the thirteen century, in the thirtieth chapter (de cani – meaning about dogs) we find it named giàgaru and still in this chapter we understand it was a very important dog that if someone has stolen one of these dogs, they would be punished with a big fine. In the same chapter, we find another name, the cani de loru, we can translate this to the dog with a chain, and we can think that there were, as today, 2 breed lines, one which had the perfect use of a watch dog. The de cani de loru was the perfect guard dog in the homes of the rich, castles and large country houses. The typical hunting molosser, was an all purpose molosser, the giàgaru, a more light dog was perfect to hunt big animals, such as wild boars and deer and in helping humans herd semi-wild cows and bulls. Also the breed was used as a war dog against the French troops during the invasion of Sardinia in the end of the eighteenth century. This breed has been appreciated for its strong-mind and courage in many poems of the end of the nineteenth century. As well as in the beginning of twentieth century, when the Italian army decided to employ various types of this breed as a war dog during the Italian invasion of Libia.

The breed was almost forgotten in the second half of the twentieth century, but the breed has thankfully been rediscovered by the end of twentieth century and the beginning of the twenty-first century. This is due to the large amount of research done by Roberto Balia. The author of the only book written about the Sardinian dog breeds, Canis Gherradoris (Fighter Dogs).

Nowadays, this breed is not an endangered specie, and there are now many good bloodlines.

General apperance:

The cani pertiatzu is a typical European middle sized molosser, that look like a villano de Las Encartaciones, a few bloodlines of alano espanol or a rustic cane corso.

The head is strong and huge, therefore the skull is large. The jaw mussles are strong, protruding and well developed and Length of muzzle is in proportion of 1 to 2 to length of skull. The bite is always orthognath (prognathism is refused by breeders).

The height of the whiters, the dogs are typically from 58cm to 68cm and the bitches from 55cm to 65cm. The weight of dogs ranges from 30kg to 45kg, and the weight of bitches ranges from 25kg to 40kg.

Since it is a working dog, we cannot find a big omogenity in size and phenotype, and there are lots of differences between the different bloodlines.

The hair on the coat of the dog is short and rough to the touch, and the colour can be fawn, dark fawn, black, grey and everyone of this colour can be brindle or have white patches in the chest or feet.

Even though it is forbidden by the Italian law, many breeders still crop ears and tail to their puppies.

Utilisation:

As previously said, the all purpose molosser is couragous and brave. In the last decades, the economy situation in the countryside has changed. The cattle does not survive in the woods anymore, but inside the stables. Also, the old style of hunting has changed. The wild boars and deers are not killed by knife anymore, after the dogs have caught them, has it is now forbidden. Thus, just a few dogs still do this work, therefore, these days most of the canis pertiatzus work as good watchdogs for countryside properties.

Sigumenti est de diora chi genti meda de dònnia logu funt intrendi in custu blog e capatzi chi no cumprendant ni su sardu ni s’italianu, si seus pensaus chi est giustu a si aberri a su mundu e duncas de imoi, fatu fatu, eus a ponni scritus in inglesu puru.

We have been noticing that a lot of people of various nationalities are coming to visit this blog, and as they probably do not understand Sardinian or Italian we thought it would be only fair to open up this blog to the world, so every now and again we will kindly add articles in English too.

Siccome abbiamo notato da tempo che in tanti, di tanti posti differenti entrano in questo blog, e magari non capiscono ne il sardo ne l’italiano, abbiamo pensato che sia giusto aprirci al mondo e dunque da oggi, di volta in volta, metteremo anche articoli in inglese.

Fonnese all. Bitti

Fonnese all. Bitti

Domìnigu su 9 de mesi de cabudanni a is 9 oras ddoi at un’amosta de canis de Fonne in Fonne. Sa dii fait a ponni su microchip a is canis.

Ajò a Fonne ca at a essi una dii de interessu mannu!

Domenica 9 di settembre alle 9 di mattina c’è una mostra di fonnesi a Fonni. Il giorno di potranno microchippare i cani.

Tutti a Fonni allora, sarà una giornata interessantissima!

In sa puntada nùmeru 6 de sa trasmissioni Mariglia de Radio Rai Sardegna, trasmìtia su 5 de austu, nci funt stètius comenti a protagonistas is canis sardus.

A ndi chistionai funt stètius Pedru Perra, Marianna Virdis e Alberto Paolo Chisu.

Torraus gràtzias a Luca Pinna, s’autori de su programa, a Stefania Martis, arregista e a Simone Casti, su tènnicu de su sonu.

Fait a intendi sa puntada crachendi innoi: puntada nùmeru 6 de Mariglia.

Nella puntata numero 6 di Mariglia di Radio Rai Sardegna, trasmessa il 5 agosto, i protagonisti sono stati i cani sardi.

Ne hanno parlato Pietro Perra, Marianna Virdis e Alberto paolo Chisu. Ringraziamo Luca Pinna, l’autore del programma, Stefania Martis, alla regia, e Simone Casti, tecnico audio.

La puntata può essere ascoltata cliccando qui: puntata numero 6 di Mariglia.