Seus una truma de amigus chi bolint amparai su cani pertiatzu, cani de Fonne e cani de lèpori (de imoi ddus naraus po lestresa “is canis sardus”).

Po fai custu, traballaus impari cun totu is allevadoris, genti speddiada, amantiosus chi tenint is pròpius ideas nostas, chi funt:

  • Is canis sardus funt una sienda de totu is sardus e totu is sardus tenint su deretu a ndi podi gosai.
  • Is canis sardus bolint spainaus in totu sa Sardìnnia, no depint essi arrenconaus in d-unu logu sardu sceti, nosu seus contras a sa bidea de “is canis sardus depint abarrai in Brabaxa sceti!”, sa Sardìnnia no est Brabaxa sceti.
  • Seus de su parri chi oindii nemus est “su meri mannu” de is canis sardus, ca is babais mannus chi s’ant arregalau custas arratzas funt mortus millas de annus a oi e nosu ndi seus boddendi oindii sa sienda insoru sceti, sienda chi teneus su doveri de amparai comenti si dda ant lassada, chena de imbentai nudda e chena de amesturai cun àterus canis. Po custu seus contra de is chi iant a bolli tenni su “monopòliu de is canis sardus”, comenti narat Frantziscu Nàtziu Mannu in s’Innu Natzionali Sardu “…custos tirannos minores est prètzisu umiliare…”.
  • Totus tenint su deretu de chistionai e scriri apitzu de is canis sardus, nemus si depit permiti de nai cosa chi calincunu scrit lìburus, artìculus, giassus. Est de importu a spainai sa conoscèntzia, sa stòria, is parris apitzu de sa sienda de is canis nostus. Craru est chi nci podint essi parris diferentis, ma s’òmini est fatu po arraxonai e duncas nosu seus po unu dibatu tzivili e faidori, is certus chena sentidu ddus lassaus a sa “gentixedda de is primus domus”.
  • Nosu boleus traballai cun genti chi no tengant sa timoria de amostai su babu e sa mama de is callelleddus insoru. A dolu mannu calincunu donat callelleddus narendi frassidadis apitzu de su babu e sa mama, a totu is callelleddus nostus, chi calincunu tenit dudas, fait a ddis fai su test de su DNA po averiguai su babu e sa mama, in calichisiat mamentu. Po fai sa cosa prus simpri, eus a pesai unu arcivu online cun is canis e cun is babus e ajajus insoru.
  • Nosu no seus gelosus de is canis nostus. Donaus cun praxeri e cun prexu is callelleddus nostus; calincunu de nosu ddus arregalat, calincunu àteru si fait pagai is gastus (vacinus, pìndulas contra de is brèminis…) e calincunu àteru ddus bendit a su giustu, donniunu est lìberu de fai su chi bolit, chi est onestu. S’amantiosu beru no est “su chi no bendit is canis” ma su chi permitit a totu is chi ddu merescint (est a nai a is chi faint is vacinus, a is chi ddis donant a papai sa cosa giusta, a is chi ddus curant) de pigai callelleddus, chena de gelosias o chena de nai “ca no” chena arraxoni peruna. Nosu si ndi arrieus de chini si fait pregai po donai unu cani, sceti po si intendi circau e de importu.
  • Nosu boleus chi is canis sardus abarrint pagu spainaus, ca eus biu chi dònnia borta chi un’arratza bessit de moda nascint allevadoris chi bolint fai dinai sceti. Duncas nosu boleus arratzas pagu spainadas, seletzionadas beni e allevadas beni, cun incuru mannu po su naturali e po s’abilesa traballendi.
  • Nosu no eus a traballai mai e eus a stesiai illuegus a chini disfàmiat cun malesa a is àterus allevadoris. Chi calincunu sciit chi un’allevadori est faendi amesturus malus, ddu depit nai de manera crara batendi is proas, deghinou si depit callai mudu, nosu arrefudaus is pidànciulus chi serbint a aferenai su logu sceti.
  • Nosu si pensaus chi po imoi is canis sardus, chi funt arrarus, tocat a ddus lassai totus in Sardìnnia. Craru est chi calincunu callelleddu podit sartai su mari, si ddu pigat calincunu amantiosu meda chi impromitit de torrai cun su cani suu po ddu fai coberri o po dda fai coberri. Est mellus a donai unu callelleddu a unu amantiosu beru foresu chi a ddu donai a calincunu sardu, in Sardìnnia, chi mancu ddi donat a papai.
  • Nosu boleus pesai un’arretza de amigus de totu sa Sardìnnia chi cumpartzint custas bideas nostas e chi s’agiudint. Seus medas giai, ma prus seus e prus a lestru eus a pesai una polìtica cinòfila sèria in Sardìnnia.

Siamo un gruppo di amici che vogliono tutelare il dogo sardo, il cane di Fonni e il levriero sardo (da ora li chiamiamo per velocità “i cani sardi”).

Per fare ciò, lavoriamo insieme con tutti quegli allevatori, appassionati, amatori che hanno le nostre stesse idee, che sono:

  • I cani sardi sono un patrimonio di tutti i sardi e tutti i sardi hanno il diritto di poterne godere.
  • I cani sardi vanno diffusi in tutta la Sardegna, non devono rimanere confinati in un posto solamente, noi siamo contro l’idea di “i cani sardi devono rimanere solo in Barbagia!”, la Sardegna non si limita alla Barbagia solamente.
  • Siamo del parere che oggigiorno nessuno è “il grande padre” dei cani sardi, perchè i nostri antenati che ci hanno regalato queste razze sono morti migliaia di anni fa e noi oggi stiamo solamente raccogliendo il loro patrimonio, patrimonio che abbiamo il dovere di tutelare come ce lo hanno lasciato, senza inventarsi niente e senza imbastardire con altri cani. Per questo siamo contro quelli che vorrebbero detenere “il monopolio dei cani sardi”, come dice Francesco Ignazio Mannu nell’Inno Nazione Sardo “…questi piccoli tiranni vanno umiliati…”.
  • Tutti hanno il diritto di parlare e scrivere sui cani sardi, nessuno di deve permettere di fare censure se qualcuno scrive libri, articoli, siti. È importante diffondere la conoscenza, la storia, i pareri sul patrimonio canino sardo. È chiaro che ci possono essere pareri differenti, ma l’essere umano è fatto per confrontarsi e dunque noi siamo per un dibattito civile e costruttivo, i bisticci senza ragione li lasciamo alla “gentaglia di bassa macelleria”.
  • Noi vogliamo lavorare con gente che non abbia paura di mostrate il padre e la madre dei propri cuccioli. Purtroppo qualcuno da i cuccioli dicendo falsità sui genitori, su tutti i nostri cuccioli, se qualcuno ha qualche dubbio, si può fare il test del DNA per verificare padre e madre, in qualsiasi momento. Per amore della chiarezza, faremo un archivio online con i cani e con i loro genitori e nonni.
  • Noi non siamo gelosi dei nostri cani. Diamo con piacere e con felicità i nostri cuccioli; qualcuno di noi li regala, altri si fanno pagare le spese (vaccini, antivermi…) e altri ancora li vendono ad un prezzo giusto, ognuno è libero di fare quello che meglio crede, se fatto con onestà. Il vero amatore non è quello che “non vende i cani” ma quello che permette a tutti quelli che se lo meritano (sarebbe a dire quelli che vaccinano, nutrono bene, curano) di prendere cuccioli, senza gelosie o senza dire “di no” senza nessun motivo. Noi ridiamo di quelli che si fanno pregare per dare un cane, solo per sentirsi ricercati e importanti.
  • Noi vogliamo che i cani sardi rimangano di nicchia, perchè abbiamo notato che ogni qualvolta una razza diventa di moda nascono allevatori che vogliono fare solo soldi. Dunque noi vogliamo razze poco diffuse, selezionate e allevate bene, dando grande importanza al carattere e alle abilità al lavoro.
  • Noi non lavoreremo mai e allontaneremo immediatamente quelli che diffamano con cattiveria gli altri allevatori. Se qualcuno sa che un allevatore stà meticciando, lo deve dire chiaramente e deve provarlo, altrimenti si deve stare zitto, noi rifiutiamo i pettegolezzi che servono solo ad avvelenare l’ambiente cinofilo.
  • Noi pensiamo che per ora i rari cani sardi debbano rimanere in Sardegna. È chiaro che qualche cucciolo può essere esportato, se lo prende un fervente amatore forestiero che promette di mettere a disposizione il suo cane per monte. È meglio dare un cucciolo a un vero amatore forestiero che darlo a qualche sardo, in Sardegna, che nemmeno lo nutre.
  • Noi vogliamo creare una rete di amici di tutta la Sardegna che condividono queste nostre idee e che ci aiutino. Siamo già molti, ma più siamo e più in fretta riusciremo a creare una politica cinofila seria in Sardegna.

6 Risposte to “Manifestu – Manifesto”

  1. arbaree Says:

    Beni meda Perdu!!!!

  2. Alessandra Gradi Says:

    Vorrei essere ricontattata telefonicamente per piacere oppure via e-mail perche’ vorrei conoscere personalmente degli allevatori!
    grazie infinite
    A si biri
    Alessandra Gradi
    Tel: 3389240225

  3. claudio Says:

    dici bene Perdu.purtroppo l’ambiente cinofilo abbonda di “io so tutto” o “io” e basta.vi state muovendo perfettamente,è giusto non far diventare di moda qste razze altrimenti si corre il rischio di vedere un giorno una signora del quinto piano di una qualsiasi città portare il suo pertziatzu dal toelettatore..i cani rustici sono nati x il lavoro specifico da svolgere e in un suo particolare ambiente.i piccoli passi di una razza la rendono più sana x un eventuale futuro ad ampio raggio.il corso insegni:x la voglia di correre x il riconoscimento ufficiale ha fatto si che si tagliassero fuori molte caratteristiche di rusticità,tanto da distinguere ormai tra linee rustiche e non.avanti così e auguri,ormai siete una realtà

    1. canissardus Says:

      Ti ringrazio di cuore dei complimenti, vuol dire che quello che io e gli altri amici stiamo facendo, viene piano piano apprezzato!


  4. sono un cinofilo di 13 anni nella zona di Castiadas mi piacerebbe conoscere gli allevatori di cani sardi e altre persone che possano aiutarmi a conoscere meglio contattatemi via e-mail :
    gianmarco-murru@live.it

  5. Massimo Nioi Says:

    Salve ragazzi…..Io ho un azienda agricola da poco mi è morto un cane meticio e ora vorei tanto un fonnese,ho sempre avuto un debole per questo cane e mi sembra giunto il momento….mi potete aiutare???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...